(Italiano) Ristorante Italia

(Italiano) Ristorante Italia

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il “Ristorante Italia”, almeno quello che conosco io, quello che stava in piazza al mio paese, era famoso perché Nicola il proprietario nonché chef aveva vinto un sacco di premi con il piatto principale che erano le sue Fettuccine alla Nicola, appunto.
Un trito di carote, sedano, cipolle (forse scalogno), carne macinata – se non mi ricordo male c’era anche la panna, ma poca – e poi l’elemento X, l’ingrediente segreto che più di una volta aveva impegnato la mia famiglia in lunghe discussioni domenicali.L’odore impregnava tutta la piazza e il corso ma nessuno si lamentava mai. Poi un giorno qualcuno disse che l’elemento X erano i budelli d’agnello sciolti nello strutto. I benpensanti cominciarono a lamentarsi del continuo odore di soffritto nell’aria.L’ultima volta che le ho mangiate il vecchio Nicola era morto da qualche mese, le fettuccine non erano più le stesse. Il segreto, quello vero, se l’era portato nella tomba.
Il Ristorante Italia ha chiuso, adesso c’è una sala con i video poker e non c’è più nessuno odore lì.Quante piazze italiane hanno una storia simile a questa? Tante, forse tutte. Anche i nomi si ripetono. I piatti cucinati sono sicuramente diversi ma i ricordi dei sapori, foto di fantasia a tinte forti, si somigliano tutti.Il mio spettacolo “Ristorante Italia” racconta, canta e cerca cosa possa essere definito davvero italiano, senza trovarlo.Ma in un paese con cento volti, mille identità, milioni di allenatori della nazionale di calcio, è il sapore salato della storia ad unire.
E’ il Do e il Sol a chiamare alla piazza il popolo tutto, è l’acqua che bolle all’ora di pranzo a dire che tutti noi siamo… qualcosa.